Presentazione servizio scuole superiori (Verona)

Caro professore, 

Egregio Dirigente Scolastico 

L’esperienza del lockdown per la diffusione del Coronavirus ha richiesto a ciascuno di noi, in particolare ai giovani, di fare i conti con il significato di libertà, come qualcosa che non può prescindere dalla responsabilità individuale. 

Infatti, in questa loro problematica età, la capacità di condividere delle regole, con un pensiero strutturato alla base, permette ad ognuno di rivalutare il proprio margine di autonomia. 

Questa particolare condizione attuale ha richiesto loro di aderire a norme di sicurezza e di rispetto dei limiti, oltre a nuove modalità didattiche, per una maggior tutela della propria persona e degli altri. 

Questa situazione inevitabilmente proseguirà anche nell’anno scolastico che sta per iniziare; per questo crediamo possa essere rilevante adeguare le nostre proposte evidenziando, ancora di più, l’obiettivo di promuovere il senso civico, individuale e sociale, proprio a partire dai più giovani. 

Continuerà come negli scorsi anni, tenendo conto anche di queste nuove argomentazioni, la nostra offerta formativa che vogliamo proporvi per contribuire alla crescita dei vostri studenti. 

1 - PROGETTO “Potenziamento delle competenze di cittadinanza globale: la Costituzione della Repubblica con particolare riflessione su legalità, giustizia, realtà carceraria & stimolo alla solidarietà”

Abbiamo pensato di implementare il nostro collaudato corso di “Potenziamento delle competenze di cittadinanza globale: legalità, giustizia, realtà carceraria & stimolo alla solidarietà” con un paio di incontri dedicati alla conoscenza della Costituzione della Repubblica arricchendolo per rispondere alle linee guida ministeriali inerenti al primo asse dell’insegnamento dell’Educazione Civica. 

Di preferenza, lo proponiamo per gli allievi del quarto o quinto anno. Si consiglia una partecipazione di 20/30 allievi per corso; in caso contrario si cercheranno degli accorpamenti fra scuole vicine oppure potremmo dividere i partecipanti in più gruppi distinti nella prima lezione per poi riunirli tutti, sempre che sia possibile, in quelle che prevedono interventi di testimoni. 

Il corso è articolato nel seguente modo: 

• Inquadramento del periodo storico che porta alla stesura della Costituzione. 2 ore 

• Lettura e spiegazione dei più importanti dettati costituzionali. 2 ore 

• Le regole: necessità e conseguenze del mancato rispetto. 2 ore 

• Primo approccio con la realtà della devianza utilizzando la proiezione di un film. 2 ore 

• La giustizia e la sua amministrazione: cosa avviene prima di entrare in carcere (Polizia o Carabinieri, Magistrato, Avvocato). 2 ore 

• La giustizia e la sua amministrazione: il carcere e le alternative alla pena. Come si rientra nella vita normale. (detenuto, UDEPE). 2 ore 

• il volontariato carcerario (detenuto, volontari nostri partner e cooperative sociali). 2 ore 

Questa nostra proposta deve intendersi come un programma di massima adattabile alle esigenze del singolo istituto. 

In caso di problemi legati all’indispensabile distanziamento, siamo in grado di tenere le stesse lezioni, comprese quelle dedicate alle testimonianze: 

1. più volte per classi diverse, nel caso dei primi tre incontri, oppure 

2. l’intero corso mediante l’utilizzo della DaD con collegamento fra i vari luoghi che penserete di dedicare alla specifica didattica mediante la rete interna della scuola (da verificarsi, necessariamente prima dell’inizio del corso, fruibilità ed efficienza della stessa) o ricorrendo a piattaforme specializzate da voi scelte. 

 

I necessari aggiustamenti legati alla didattica a distanza sono già all’attenzione del nostro gruppo di lavoro che sta studiando come poter ottenere il massimo risultato possibile con queste tecniche. 

A causa della nuova situazione venutasi a creare nella Casa Circondariale di Vicenza non sarà più possibile completare il corso con l’incontro con la realtà carceraria di Vicenza (a meno di novità che allo stato attuale reputiamo fantascienza). 

Al posto dell’entrata fisica in carcere si può sempre effettuare una visita “virtuale” attraverso un filmato inerente la medesima struttura da noi appositamente realizzato con il contributo del C.S.V. di Verona e che potrà soddisfare non la curiosità ma la voglia di capire e di riflettere dei ragazzi su come sia fatto e organizzato un carcere. 

Intendiamo poi segnalarti da subito che per non lasciare spazio solo alle parole, durante il corso sarà chiesto agli allievi di individuare delle “azioni di legalità” e delle “azioni di solidarietà” da compiere durante l’anno scolastico: avrai così modo di accertare che la legalità e la solidarietà diventino, almeno in alcuni comportamenti, virtuose abitudini così come sostiene la dott. Maria Pia Fontana nello scritto che alleghiamo. 

Qualunque sia la modalità di svolgimento del corso, tutti i lavori dei ragazzi saranno elaborati e il risultato consegnato in copia agli insegnanti coordinatori e al Dirigente scolastico. 

In ogni caso ti prego di prendere quanto prima contatti con l’Associazione, nella persona del presidente, per ricevere le indispensabili informazioni e potervi attivare quanto prima per rendere possibile l’esperienza. 

1.1 - POSSIBILI COSTI 

Poiché siamo un’organizzazione di volontariato che si basa sull’impegno, il lavoro e la propositività di giovani, per noi è essenziale ricevere sostegno per le attività che vi presentiamo ottenendo unicamente il rimborso delle spese vive che sosteniamo per la loro realizzazione. 

Allo stato attuale sembra, infatti, che le fonti cui attingevamo un sostegno economico che ci permetteva di offrire alla scuola azioni completamente gratuite si siano indirizzate a sostenere progetti legati al sollievo delle difficoltà create dalla pandemia. 

Anche quest’anno, la Fondazione Zanotto finanzierà la spesa di tutte le fotocopie che consegneremo a docenti e allievi; nel caso in cui non riuscissimo a ottenere alcun altro sostegno (sono numerose le domande fatte e continuo il nostro impegno a ricercare nuove fonti), la scuola dovrà necessariamente accollarsi le spese del rimborso chilometrico per un’automobile al costo di € 0,35/km (questo solamente nel caso in cui la scuola abbia sede fuori il comune di Verona). 

Ai docenti sarà richiesta l’elaborazione dei dati raccolti dagli allievi. 

In caso di loro indisponibilità, questo compito dovrà essere affidato a qualcuno dei nostri giovani collaboratori al quale dovrà essere 

corrisposto un rimborso che valutiamo intorno ai 20/30 euro per classe di 20 ragazzi. 

Al dirigente sarà anche chiesto di sottoscrivere un’impegnativa per evitare alla nostra OdV di farsi carico delle indispensabili spese vive, correndo il rischio di rimanere, alla fine del corso, senza alcuna copertura delle stesse che rimarrebbero a carico del nostro magro bilancio. 

2.- ALTRE PROPOSTE 

Non si escludono possibili approfondimenti a vostra scelta e che potremo concordare, di volta in volta, con gli insegnanti interessati. 

È pronto per il prossimo anno scolastico, un intervento di approfondimento storico - filosofico sulla pena e la sua funzione a cura di un professore di filosofia che ha dato la propria disponibilità a collaborare con noi. 

Ci impegniamo poi a rimanere a vostra disposizione per una serie di attività che riassumiamo: 

• aiuto nell’organizzazione di incontri nelle giornate dello sport su temi quali: sport e droga, sport e criminalità organizzata, sport e disordini (il daspo). Bisognerà prenotarsi al più presto; 

• organizzazione di cineforum o serie di proiezioni (giustizia, pena, mafie, casi recenti – alcuni titoli sono reperibili sul nostro sito) che saranno, come al solito, presentati e seguiti da esperti; 

• quant’altro sarà possibile fare per educare i vostri ragazzi alla legalità e alla presa di coscienza/conoscenza dei problemi carcerari. 

 

Vogliamo porre l’accento sulla completezza e la varietà di soggetti che siamo in grado di coinvolgere con le nostre proposte, ma anche sul fatto che siamo l’unica realtà formativa che restituisce alla scuola un ricco pacchetto di informazioni che costituiscono un prezioso feed - back da poter utilizzare autonomamente. 

Non solo, tutti i corsi sono valutati dagli allievi che li hanno seguiti e dall’insegnante coordinatore. Tutti quelli fatti negli anni precedenti hanno ottenuto il gradimento di entrambi, segnalando dei risultati oggettivi molto buoni che sono pubblicati sul nostro sito. 

Vi proponiamo anche di aderire a LIBERA – Nomi e numeri contro le mafie per costruire un gruppo omogeneo, che operi, in accordo col coordinamento provinciale di Libera, in preparazione della giornata del ricordo delle vittime della mafia che sarà il 21 marzo 2021. Sul sito di LIBERA si trova il modo di aderire come scuola. 

L’adesione a ognuna delle nostre proposte dovrà pervenire, tramite la scuola, direttamente all’indirizzo dell’OdV Progetto Carcere 663 Via Tagliamento 8 - 37125 Verona – telefono 045 914150 (con segreteria telefonica). 

L’indirizzo di posta elettronica è: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Si può far riferimento anche al sito “progettocarcere663.org”. 

Vi invitiamo a mettervi in contatto con noi se ritenete che ci sia la necessità di approfondire qualche altro tema. Studieremo assieme quali potrebbero essere le migliori soluzioni che rispondono alle attese della vostra scuola. 

Nella speranza di essere sempre al vostro fianco per il bene dei giovani, per quanto ci è permesso e ci sarà possibile, vi salutiamo cordialmente. 

Verona, 31 agosto 2020 

Organizzazione di Volontariato 

PROGETTO CARCERE 663 

Acta non Verba - OdV 

maurizio ruzzenenti 

P.S. Siamo orgogliosi di potervi informare che le nostre iniziative hanno ottenuto il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Provinciale